• PIANO di ZONA di CORTEOLONA
  • PIANO di ZONA di CORTEOLONA
  • PIANO di ZONA di CORTEOLONA

Servizi e Interventi - Area Minori e Famiglia

La tutela dei minori si configura come azione di primario interesse per gli ambiti, che condividono la necessità di ottimizzare i processi già in atto e di potenziare le connessioni di rete, con l’obiettivo principale di intervenire efficacemente e con tempestività a sostegno dei minori e delle famiglie. A tal riguardo assume un ruolo di rilievo l’individuazione precoce dei segnali di disagio, possibile sintomo di dinamiche disfunzionali; pur mantenendo quindi alta la possibilità di intervento in caso di pregiudizio di minore, lo sguardo dei servizi dovrà quanto più spostarsi sulla prevenzione, nell’intento di intercettare i nascenti bisogni dei nuclei familiari e strutturare con essi relazioni d’aiuto positive e funzionali ad evitare degenerazioni del disagio.

In quest’ottica assume grande valore il lavoro di rete e la possibilità di dialogo tra gli attori sociali che a diverso titolo entrano in contatto con il disagio dei minori e delle loro famiglie (es. scuola, contesti aggregativi e sportivi). Assume altresì rilevanza la possibilità di disporre adeguatamente di risorse d’intervento diversificate e flessibili, quali l’istituto dell’affido nelle sue diverse forme ed i servizi educativi domiciliari e territoriali, necessari ad evitare il massiccio ricorso all’istituzionalizzazione. L’ufficio di Piano intende sostenere e valorizzare la famiglia nei compiti di cura confermando la prosecuzione degli interventi domiciliari con la prosecuzione del servizio di assistenza domiciliare minori ADM e servizio domiciliare minori con disabilità ADMH.

E’ previsto il rafforzamento della collaborazione tra le istituzioni pubbliche e private per la promozione ed il potenziamento dei servizi di accoglienza diurna per minori CAG e Centri Diurni Minori. La presenza di alcuni CAG e Centri Diurni presso la rete oratoriale parrocchiale consentirà l’attuazione di progettualità finalizzate a potenziare servizi di accudimento/sostegno familiare ai minori in età scolare, al di fuori dell’orario scolastico.

Con le organizzazione del Terzo Settore Enti ed Istituzioni, sono stati definiti progetti di prevenzione per contrastare la dispersione scolastica, i fenomeni di bullismo e delle dipendenze, che si svolgeranno presso i presidi scolastici territoriali. L’adesione all’Accordo territoriale per la Conciliazione Famiglia-Lavoro, sottoscritto dagli Ambiti provinciali, l’ASL, l’Amministrazione Provinciale e Enti/Associazioni territoriali e Imprese, consentirà al Piano di Zona di avviare percorsi in merito alle politiche della conciliazione.